novisys
I fatti più importanti dalla ricerca e dalla pratica
finanziato dal Ministero Federale dell'Istruzione e della Ricerca

Estratto a pagina 20:

QUALITÀ DEL VINO

Non è più un segreto che i nuovi vitigni, i PIWI, possano essere utilizzati per produrre vini di alta qualità. Ciò potrebbe essere dimostrato anche nell'ambito del progetto novisys per i vini dal taglio minimo nel traliccio. Il livello di resa, lo stato di salute delle uve e il momento corretto della vendemmia sono determinanti per la qualità e la tipologia del vino. Rese eccessive e vendemmie troppo presto in particolare portano rapidamente a vini acerbi, sottili e amari con potature minime nel graticcio, che sono associate a un colore basso nei vini rossi. Per questo motivo, una riduzione mirata della resa (scala BBCH: 75) nei primi anni di conversione è fortemente raccomandata. Inoltre, le bacche più piccole nel taglio minimo nel traliccio portano ad una maggiore proporzione di buccia di bacche e quindi a un rapporto buccia / polpa più alto.
I vini dal taglio minimo nel traliccio ne beneficiano. Con un livello di resa moderato e un tempo di vendemmia adeguato alla maturazione, è possibile produrre vini bianchi aromatici, fragranti e sottili, nonché vini rossi ricchi di tannini e colori intensi, nel nuovo sistema di coltivazione.

Fonte:
IMPRONTA
Progetto di ricerca Novisys Responsabile del progetto: Prof.Dr. Reinhard Töpfer

Istituto Julius Kühn
Istituto federale di ricerca per le piante coltivate (JKI) Istituto per l'allevamento della vite Geilweilerhof Geilweilerhof
www.zukunft-weinbau.de

Ricerca