sui vitigni

sui vitigni2021-11-26T21: 35: 16 + 01: 00

2 trattamenti PSM sono sufficienti anche in caso di elevata pressione della malattia in Muscaris e Souvignier gris

«La cantina biologica Grangeneuve, nella Dordogna, è gestita dalla Camera dell'Agricoltura del dipartimento nell'ambito della rete Dephy.

Nel 2018, l'enologo e proprietario Anthony Castaing ha piantato i primi vitigni resistenti: Muscaris e Souvignier gris.

Nelle ultime due annate, 2022 e 2023, su questi vigneti sono stati applicati due trattamenti a base di rame e zolfo. Il suo indicatore complessivo relativo alla frequenza dei trattamenti antiparassitari è 1,56. "Si tratta di un importante passo avanti nella protezione delle colture e di una riduzione del carico di lavoro, anche in anni di forte pressione sulla peronospora come il 2023", osserva.

D'altronde «non è più possibile andare in vacanza nelle ultime due settimane di agosto». Nel 2022, ad esempio, il Souvignier Gris è stato raccolto il 24 agosto. Molto più avanti del Sauvignon gris, vitigno di riferimento nel monitoraggio effettuato da CA24.

Questo "sviluppo marcatamente prematuro delle fasi fenologiche inizia con il germogliamento", afferma la consulente Camille Delamotte durante un webinar su questo argomento. Nel 2022 e nel 2023, Muscaris e Souvignier gris si trovavano nella fase di “punto verde” o “germoglio fogliare” alla fine di marzo. Nel 2022 le viti sono state colpite da una gelata primaverile il 1° aprile. “Questo rischio deve essere preso in considerazione. Queste varietà sono consigliate per terroir con poco o nessun gelo".

>>> Leggi anche: Primi feedback sulla varietà resistente Souvignier gris»

Fonte:  www.tema-agriculture-terroirs.fr

26 aprile 2024|

Primi feedback sulla varietà resistente Souvignier gris

Primi feedback sulla varietà resistente Souvignier gris

Le sue bacche sono di colore rosa, cosa non molto comune tra i vitigni più coltivati in Francia. Tuttavia, la sua più grande specialità è che è resistente all'oidio e alla peronospora. Prende questa resistenza da un suo parente, il Bronner (l'altro è il Cabernet Sauvignon). Si chiama Souvignier gris, una delle varietà resistenti attualmente autorizzate in Francia.

L'IFV può confermare che Souvignier gris possiede almeno un gene di resistenza all'oidio: Ren 3.
(altro…)

26 aprile 2024|

Souvignier gris: fruttato o borgognone?

CARATTERISTICHE VARIETALI E AGGIUSTAMENTI IN CANTINA
Autore Wolfgang Renner
Ragazze souvenir

Secondo molteplici richieste nel 2023, in Austria ci sono 66 ettari del vitigno Souvignier gris. Questo si rivela un rappresentante versatile del gruppo
di vitigni resistenti ai funghi (PIWI). I dati attuali sugli innesti suggeriscono un ulteriore aumento dell'area. Esperienza pluriennale nel
La coltivazione e l'espansione dalla Stiria mostrano le caratteristiche di questa varietà.

Il vitigno Piwi Souvignier gris (pronunciato Suvinje grie) è stato allevato nel 1983 da Norbert Becker (1937 – 2012) presso l'Istituto statale per la viticoltura di Friburgo in Brisgovia (D). Originariamente si presumeva la discendenza Cabernet Sauvignon x Bronner. Tuttavia, un’analisi del genoma ha smentito questa ipotesi. Souvignier gris è in realtà un incrocio tra Seyval Blanc x Zähringer.

Conclusione:
In ogni caso, un'interessante novità è il Souvignier gris, la razza tedesca dell'Istituto del vino di Friburgo in Brisgovia, che gode di crescente popolarità nella maggior parte delle regioni vinicole austriache. A seconda della maturazione degli acini e del modo in cui vengono lavorate l'uva e il mosto, questo vitigno può produrre molte varianti diverse: dal semplice vino di qualità allo spumante di ottima qualità.
Anche le esperienze precedenti dimostrano che il Souvignier gris è in grado di rappresentare bene il terroir di una zona o di una località.

all'articolo con grafica - Fonte: Der Winzer 08/2023

29 agosto 2023|

Varietà PIWI recentemente approvate nelle regioni vinicole d'Europa

Nella Gazzetta Ufficiale dell'UE C 222 del 26 giugno 2023 è stata approvata una nuova varietà (PIWI) per la DOP "Champagne". La varietà Voltis è stata aggiunta alle sette varietà principali esistenti. La resa massima di uva consentita è di 15,5 t/ha.

Un avviso sulla creazione della nuova IGP tedesca "Großräschener See" è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'UE C 222 il 26/06/2023. Le varietà coltivate sono le varietà PIWI Solaris, Cabernet blanc, Johanniter e Pinotin. L'IGP si trova nel Brandeburgo sul Großräschener See, vicino al confine con la Sassonia. La resa massima è fissata a 90 hl/ha.

Nella Gazzetta Ufficiale dell'UE C 230 del 30 giugno 2023 è stata concessa l'approvazione delle nuove varietà (PIWI) per l'IGP "Pays d'Hérault" (vicino a Montpellier). Sono state aggiunte in totale 17 nuove varietà PIWI e sono state rimosse 18 vecchie varietà non più utilizzate. Le varietà PIWI recentemente approvate sono Artaban N, Bronner B, Cabernet blanc B, Cabernet Cortis N, Floreal B, Johanniter B, Monarch N, Muscaris B, Pinotin N, Prior N, Saphira B, Sauvignac B, Solaris B, Soreli B, Souvigner gris B, Vidoc N e Voltis B. (N=Noir, B= Blanc)

Jiří Sedlo, 18 luglio 2023

21 luglio 2023|

Il vitigno PIWI Calardis Musqué riceve la protezione della varietà vegetale

csm_PI2023-2_Bild1_Calardis_Musque_Traube_2abef71cef scarica il sito JKIIl vitigno a bacca bianca coltivato presso l'Istituto Julius Kühn con piacevoli aromi di frutta esotica è resistente a diversi agenti patogeni.

(Siebeldingen) L'allevamento della vite richiede tempo. Questo vale anche e soprattutto per il nuovo vitigno Calardis Musqué. È stato incrociato nel 1964 al Geilweilerhof di Siebeldingen da Bacchus e Seyval Blanc. 59 anni dopo, lo sviluppo dell'ibridazione della vite presso l'Istituto Julius Kühn (JKI), l'Istituto federale di ricerca per le piante coltivate, ha ottenuto il riconoscimento della protezione della varietà vegetale.

Calardis Musqué è uno dei cosiddetti PIWI (vitigni resistenti ai funghi). Oltre a una moderata resistenza all'oidio, alla peronospora e alla botrite, presenta anche un'elevata resistenza al marciume nero. Queste proprietà significano che durante la coltivazione è necessario applicare un numero notevolmente inferiore di pesticidi, un passo importante verso una viticoltura più sostenibile ed essenziale anche per la coltivazione biologica.



copyright Istituto Julius Kühn

(altro…)

24 aprile 2023|

Riflettori puntati sulle varietà PIWI di Edy Geiger

Dal 2021, quando molti viticoltori riuscivano a tenere sotto controllo le malattie fungine solo con grande difficoltà, l'interesse per le viti PIWI è aumentato notevolmente. Soprattutto a causa della prospettiva di aiuti finanziari per nuovi impianti. Il pioniere della PIWI Edy Geiger presenta quelle che considera le varietà più promettenti.

Fonte: Rivista svizzera Obst + Wein aprile 2023

leggi di più ( PDF, tedesco)

13 aprile 2023|

PIWI Pedia di Arnold Becker

PIWI-Sorten von A bis Z,   in 3 Teilen

Pilzwiderstandsfähige Rebsorten (Piwis) erfahren derzeit ein gesteigertes Interesse: Forschungen werden intensiviert, Vereinigungen zu diesem Thema gegründet und Pfropfreben mancher Sorten sind in Deutschland auf 3 Jahre hin ausverkauft. Gleichzeitig will die Zusammensetzung des Rebsortenportfolios innerhalb eines Betriebs gut über legt sein. Arno Becker vom DLR Rheinhessen-Nahe-Hunsrück möchte mit der Erstellung einer „Piwi-Pedia“ Hilfestellung geben.

Ziel dieses Beitrags ist es, vorhandenes Wissen zusammenzuführen, fortzuschreiben und einen möglichst umfassenden Überblick zu vermitteln. Schließlich werden immer wieder Erkenntnisse über Versuchsserien veröffentlicht, die zwar Teile des Themas darstellen, aber es naturgemäß nicht in der Gesamtheit abbilden können.

Zudem hat der Komplex pilzwiderstandsfähige Rebsorten eine hohe Dynamik, so dass es der Fachliteratur oft schwerfällt, Schritt zu halten.
Bei Züchterangaben werden zudem überwiegend die positiven Attribute in den Vordergrund gestellt.

Quelle: Das deutsche Weinmagazin 14.1.2023  1/2  bis 4

Teil 1 von A – C

Teil 2 von  D – P

Teil 3 von  R – Z

11 aprile 2023|

Stato della superficie delle varietà PIWI nei vigneti cechi

Alla fine della campagna 2021/2022, secondo lo schedario dei vini, c'erano più di 17.900 ha di vigneti nella Repubblica Ceca, di cui quasi 900 ha (896 ha) erano piantati con varietà PIWI, ovvero 5.0 %. Lo sviluppo della superficie coltivata delle varietà PIWI dal 2012 è rappresentato grosso modo da una linea di crescita (Figura 1). Negli ultimi dieci anni la superficie coltivata è quintuplicata e ogni anno vengono ripiantati circa 75 ettari.

leggi di più (PDF)

6 novembre 2022|

divico: partner di assemblaggio del Pinot nero?

È risaputo che il Pinot nero sta diventando meno popolare tra i consumatori di vino inesperti a causa del suo colore relativamente chiaro. Questa carenza è parzialmente sanata con le cosiddette uve da tintore. Ora la varietà resistente ai funghi Divico viene discussa come partner di assemblaggio, a causa del colore e del potenziale olfattivo.

Il pinot nero è ancora il vitigno rosso più coltivato in Svizzera. Il loro elevato potenziale qualitativo è talvolta ridotto da un'intensità del colore giudicata piuttosto debole. Uve da tintura come Dakapo e Dunkelfelder vengono coltivate in Svizzera e i loro vini vengono utilizzati in miscele a bassa percentuale per migliorare il colore. Con il vitigno Divico messo a punto da Agroscope e approvato nel 2013, resistente alla peronospora, all'oidio e alla muffa grigia, è disponibile un'altra varietà adatta a questo scopo. In una prova condotta negli allevamenti sperimentali Agroscope di Changins e Pully, un blend di 10 % di Divico con Pinot nero è stato confrontato con blend dei vitigni Dakapo e Dunkelfelder.

Fonte frutta e viticoltura Svizzera
Autore: Jean-Laurent Spring Agroscope, Pully

leggi di più (inglese)

21 ottobre 2022|

La viticoltura ha bisogno di nuovi vitigni resistenti ai funghi e allo stress per poter sfidare i cambiamenti climatici

Comunicato stampa Istituto Julius Kühn numero 13 del 12 agosto 2022csm_PI2022-4_Bild3_LogoGBG2022-RGB_7648ab27c8

Vignaioli e genetisti di 23 paesi si sono scambiati idee al XIII. Simposio GBG nel Palatinato.

(Siebeldingen) L'Istituto per l'allevamento della vite dell'Istituto Julius Kühn (JKI), situato al Geilweilerhof nel Palatinato, ha avuto l'onore di ospitare quest'estate (2022) il simposio internazionale sull'allevamento della vite e la genetica. Il "XIII. Simposio per l'allevamento della vite e la genetica" si è svolto dalle 10.-15. Luglio nella sala delle feste Art Nouveau a Landau. 180 scienziati provenienti da 23 paesi in Europa e oltreoceano si sono riuniti per presentare e discutere i risultati della ricerca attuale. L'evento si svolge ogni quattro anni in diverse località del mondo. Il prossimo paese ospitante dopo la Germania è la Croazia nel 2026. La serie di eventi è stata lanciata quasi mezzo secolo fa dai viticoltori del Geilweilerhof di Siebeldingen, che dal 2008 fanno parte dell'Istituto Julius Kühn.

(altro…)

12 agosto 2022|

"I Vini Pionieri (PIWI) - Innovazione e Tradizione"

Sotto questo motto si è riunito da 10.-17. Luglio noti ricercatori dell'allevamento, nonché attori dell'allevamento e dell'affinamento, nell'Art Nouveau Hall di Landau al 13° Simposio internazionale sull'allevamento e la genetica della vite.

Il Ministero federale dell'alimentazione e dell'agricoltura (BMEL) e l'Organizzazione internazionale della vigna e del vino, in breve OIV, hanno assunto il patrocinio. Il team impegnato dell'Istituto Julis Kühn ha organizzato un programma vario ed emozionante di conferenze, discussioni ed escursioni, che ovviamente includeva anche la cena di gala del giovedì sera.

(altro…)

21 luglio 2022|
Vai all'inizio